© 2011 Benessere.me

Alimentazione: Diouf (Fao), 1 mld soffre la fame, piu’ poveri vittime di prezzi alti

Postato il 17 ottobre 2011 Autore in Benessere | Nessun Commento per ora

Roma, 17 ott. (Adnkronos Salute) – “Nel mondo circa un miliardo di persone soffre la fame o è vittima di malnutrizione. Si tratta di circa un settimo della popolazione mondiale”. A sottolinearlo, nel corso della Giornata mondiale dell’alimentazione 2011 celebrata dall’organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), dal Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad) e dal Programma alimentare mondiale (Pam) e dedicata al tema dei ‘Prezzi alimentari – dalla crisi alla stabilità’, è stato oggi il direttore generale della Fao, Jacques Diouf.
“La volatilità dei prezzi delle derrate alimentari mette a repentaglio il diritto umano fondamentale ad avere un’alimentazione adeguata. Prezzi alti e volatili ricadono prevalentemente sui poveri che possono spendere anche il 75% dei loro proventi nell’acquisto di cibo”, ha affermato. Secondo Diouf, “occorre investire oltre 80 miliardi di dollari supplementari ogni anno nell’agricoltura per assicurare al mondo i rifornimenti di cibo necessari al mondo nel 2050. Per finanziare tali investimenti, i governi nazionali dovranno contribuire in modo significativo. Inoltre, la quota dell’assistenza allo sviluppo ufficiale destinata all’agricoltura dovrà essere significativamente accresciuta per tornare al 19% del 1980, dal 6% attuale”.
“Se i leader mondiali rispetteranno le decisioni già prese, se metteranno a disposizione adeguate risorse finanziarie, la sicurezza alimentare verrà raggiunta e la successione di crisi che colpisce duramente le popolazioni più povere che stiamo vivendo periodicamente verrà evitato. Assicureremo in questo modo la stabilità politica, la pace mondiale e la sicurezza”.
“In questa giornata mondiale dell’alimentazione, è venuto il tempo di adottare azioni e politiche che consentiranno a tutti gli agricoltori del mondo, nei Paesi sviluppati e in via di sviluppo, di avere condizioni eque attraverso meccanismi che non distorcono i mercati e conseguentemente guadagnare un introito giusto per una vita dignitosa”, ha concluso Diouf.
Tra i numerosi relatori intervenuti dal palco, oltre al sindaco di Roma Gianni Alemanno, al ministro degli Esteri Franco Frattini, al ministro delle Politiche agricole Francesco Saverio Romano, anche l’ex presidente cilena Michelle Bachelet, sottosegretario generale e direttore esecutivo di Un Women, che ha posto l’accento sulla necessità di contrastare “la discriminazione nei confronti delle donne rurali e agricoltori”, che – ha sottolineato – “sono centrali per la soluzione della fame e della poverta’ nelle parti piu’ remote del mondo”. Per la Bachelet, che ha definito le donne “l’ordito che tiene insieme la trama della società” e “la chiave della sicurezza alimentare”, è indispensabile “investire su di esse”, mettendo loro a disposizione maggiori tecnologie ed altri strumenti e facilitando loro il possesso di terra.
Alla Giornata mondiale dell’alimentazione hanno partecipato ed aderito anche numerosi artisti, da Massimo Ranieri a Dee Dee Bridgewater, entrambi ambasciatori di buona volontà della Fao. E oggi ha ricevuto lo stesso incarico anche l’attore britannico Jeremy Irons. Presente anche l’attrice e fotografa Gina Lollobrigida, che questa mattina ha raggiunto la sede della Fao a bordo di una fiammante vecchia Ferrari. L’attrice ha deciso di mettere l’auto all’asta e donare i proventi della vendita per finanziare i progetti della Fao nel Corno D’Africa.

Continua a leggere su: Adnkronos – Benessere

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>