© 2011 Benessere.me

Come usare l’arancio amaro per dimagrire

Postato il 2 agosto 2012 Autore in Benessere | Nessun Commento per ora

L’arancio amaro non è conosciuto soltanto come frutto buono da mangiare: è un ottimo rilassante per la muscolatura, ha proprietà antisettiche e disinfettanti e, nell’industria cosmetica, è spesso utilizzato come base delle creme antirughe sotto forma di olio essenziale. Contiene la sinefrina, un principio attivo che stimola l’attività metabolica del nostro corpo: per questo l’arancio amaro è considerato un alleato per dimagrire. 

Molti integratori alimentari contengono arancio amaro; l’azione stimolante della sinefrina sul metabolismo accelera il consumo calorico e la lipolisi, vale a dire bruciare i grassi allo scopo di ottenere energia per il corpo.

L’arancio amaro è spesso associato alla caffeina, alla teina contenuta nella pianta del té verde, al guaraná e al mate (tipicamente conosciuti come bevande), dalle proprietà stimolanti per l’organismo: perché siano altamente efficaci, questi preparati si trovano generalmente sotto forma di compresse, da assumere una volta al giorno per al massimo un mese mentre si segue una dieta bilanciata e si fa sport: solo così, effettivamente, si attiva il metabolismo e si bruciano le calorie in eccesso che consentono un dimagrimento corretto e controllato.

È altamente sconsigliata l’assunzione di integratori a base di arancio amaro e altri stimolanti del metabolismo se si soffre di ulcera, gastrite, acidità di stomaco, malattie cardiovascolari, tachicardia, ansia o attacchi di panico, perché possono acuire i sintomi che scatenano le patologie.

Foto | Flickr

Benessereblog.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>