© 2011 Benessere.me

Estate: il chirurgo plastico, boom di ritocchi ‘mordi e fuggi’

Postato il 18 luglio 2011 Autore in Benessere | Nessun Commento per ora

Roma 18 lug. (Adnkronos Salute) – Aumentano le italiane che si affidano al chirurgo estetico per ritocchini ‘mordi e fuggi’ in vista dell’estate. Lo afferma Mario Bellioni Businco, dirigente di Chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica dell’azienda ospedaliera San Giovanni di Roma. “Grazie ai progressi costanti nei materiali a disposizione della chirurgia plastica – assicura l’esperto in una nota – è oggi possibile ottenere miglioramenti per tutte le aree di interesse con tecniche ambulatoriali e senza alcuna convalescenza”. Per il viso, ad esempio, è indicato il ‘liquid lift’. “La metodica – spiega Bellioni Businco – consiste nell’inoculare a livello delle guance, degli zigomi e delle cosiddette ‘zampe di gallina’ un diffuso reticolo di acido ialuronico e di aminoacidi, che dona un piacevole aspetto fresco e riposato a una pelle lassa e asfittica, ed esercita una potente azione idratante sottocutanea che permette di abbronzarsi contrastando gli effetti disidratanti del sole. E’ come se una crema idratante venisse direttamente applicata nella profondità della pelle. Tutto ciò senza dolori o lividi grazie all’utilizzo di microcannule flessibili atraumatiche al posto dell’ago tradizionale”. “Chi è insoddisfatta del proprio decollete’ – prosegue l’esperto – può tonificare e aumentare il seno di una taglia con una iniezione di acido ialuronico ad alto peso molecolare, seguendo una procedura ambulatoriale di pochi minuti. La paziente avrà infatti da subito un seno nuovo che durerà molti mesi, e potrà conservare il nuovo seno con dei piccoli ‘touch up’ durante i mesi invernali”. “Determinate aree che alterano il profilo corporeo, come i lati delle cosce o i fianchi – aggiunge il chirurgo – possono essere trattate con una microlipoestrazione ambulatoriale oppure con la liporiduzione non chirurgica, anche detta intralipoterapia, che consiste in una infiltrazione di sostanze farmacologiche con proprietà emulsionanti nell’adipe”. Bellioni Businco conclude raccomandando che ”i peeling chimici più aggressivi e i trattamenti laser sono sconsigliatissimi a chi è prossimo alle esposizioni solari, come anche il trattamento anti-rughe a base di tossina botulinica, dopo il quale è necessario evitare per qualche giorno di congestionare il viso”.

Continua a Leggere sul sito :Adnkronos – Benessere

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>