© 2011 Benessere.me

Sport e capelli, coppia a rischio

Postato il 21 marzo 2014 Autore in Benessere | Nessun Commento per ora

capelli

Fare esercizio fisico è importante e la primavera è l’ideale per iniziare. Purtroppo i nostri i capelli possono soffrirne e venire trascurati: ecco una guida per proteggerli in modo sano e naturale…

La pratica dell’attività fisica offre indubbi vantaggi per la salute generale. Chi fa sport vede diminuire il rischio di malattie cardiovascolari, di diabete mellito, di osteoporosi e di obesità. Ma se sappiamo quanto salutare sia per il nostro organismo fare esercizio, non immaginiamo che possa causare problemi ai nostri capelli, specialmente se lunghi e delicati. Ecco alcuni consigli per mantenerli in salute beneficiando di tutti i vantaggi della attività sportiva.

Attività al coperto: occhio agli elastici, rompono il capello!

Durante la pratica di queste attività fisiche, la maggior parte delle persone pettina all’indietro e tira strettamente i propri capelli lunghi fissandoli con elastici o ferma capelli a clip. La costanza e la durata dell’esercizio aerobico costringono però i capelli a continui sobbalzi che nell’area ove sono stati legati generano un incessante e pericoloso sfregamento. L’attrito che ne deriva può portare alla perdita dello strato protettivo più esterno del capello accentuandone la fragilità. I rischi di sfilacciamento, doppie punte e rottura diventano possibilità concrete. Meglio quindi ridurre lo stress sui capelli in movimento fissandoli blandamente con una fascia o una bandana.

Nuoti in piscina? C’è il  rischio-cloro, serve attenzione

Il nuoto nell’acqua clorata della piscina mette i capelli a dura prova. Sono noti gli effetti rovinosi del cloro in termini di modificazioni del colore, di secchezza, di cisposità. Usate detergenti ad azione specifica. Appena uscite dall’acqua lavate i capelli con uno shampoo neutro in modo da rimuovere ogni traccia di cloro e applicate un balsamo idratante. Gli shampoo migliori sono quelli delicati addizionati di proteine vegetali, vitamine e lipidi.  È utile associare un balsamo specifico a base di estratti di cedro, ricco di vitamine e flavonoidi.  Infine, se potete, dopo l’applicazione del balsamo e prima di risciacquare la capigliatura, trascorrete una decina di minuti in sauna: renderete ancora più morbidi e idratati i capelli.

 

Attività all’aperto: proteggersi sempre con un cappello

Chi pratica queste attività espone i capelli a molte minacce: vento, aria inquinata e sole. Doppie punte e secchezza dei capelli, disidratazione, schiarimento e decolorazione gli effetti. Fate in modo di usare un cappello protettivo e curate sempre i capelli con prodotti dotati di una valida protezione solare.

Con paba aiuti la crescita e fermi la caduta

L’ Acido paraminobenzoico (altrimenti noto come PABA) protegge il bulbo pilifero e previene la caduta del capello. Alcuni studi hanno evidenziato che la correzione di un deficit alimentare di PABA può essere utile nel ripristinare il colore naturale in un capello ingrigito precocemente. I principali cibi contenenti PABA sono: orzo, ostriche, granchi, pollo, tacchino, grano, agnello, funghi, latte e riso.

Rame, zinco e selenio: danno colore, luminosità e rinforzano i capelli

Il rame è un costituente essenziale della melanina, la sostanza di natura proteica che conferisce colore alla pelle e ai capelli. Lo zinco è specialmente utile nelle persone con capelli sottili e fragili, a volte con problemi della tiroide. Zinco e rame sono minerali che funzionano meglio se sono consumati insieme, al fine di mantenerne un adeguato bilancio. Il selenio aiuta il capello a crescere robusto e solido.  Rame e zinco si trovano negli stessi cibi: funghi, semi di girasole, aragoste, granchi, gamberi e ostriche. Il selenio si trova in cereali integrali e crostacei.

Se vuoi saperne di più visita le sezioni Bellezza, Erbe e fitoterapia, Integratori, Cibo Mangiare sano su Riza.it

Obiettivo Benessere

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>