© 2011 Benessere.me

Una lista di consigli per rendere efficace la dieta

Postato il 30 giugno 2012 Autore in Benessere | Nessun Commento per ora

Come rendere più efficace una dieta dimagrante e di mantenimento del peso forma? Partiamo dall’apporto di calorie che in un regime dimagrante deve essere leggermente inferiore al fabbisogno di calorie giornaliero che varia in base all’età, al peso, allo stile di vita (più o meno attivo), al tipo e alla frequenza dell’attività fisica svolta. L’ideale è diminuire l’apporto di calorie accelerando al contempo il metabolismo con pasti più leggeri ma frequenti e privilegiando cibi ricchi di proteine, fibre, vitamine, minerali e altri nutrienti con una bassa densità calorica quali frutta e verdura.

La tabella in homepage è uno strumento utile per il calcolo delle calorie in una dieta dimagrante, quelli che vedete riportati sono infatti i valori indicativi del fabbisogno di calorie giornaliero di uomini e donne nelle diverse fasce d’età ed in base all’attività fisica svolta. L’indice di massa corporea (IMC) di riferimento per i valori riportati nel grafico è di 21,5 per le donne e 22,5 per gli uomini.

Per perdere peso, massimo un chilo a settimana, bisogna ridurre le calorie totali fino ad un massimo di 500 al giorno mangiando meno ma soprattutto meglio e facendo più esercizio fisico. Se siete donne ed avete tra i 19 ed i 30 anni e non praticate alcun tipo di attività fisica per dimagrire, dovreste dunque consumare all’incirca 1300 calorie al giorno. Ma non tutte le fonti caloriche sono uguali: se mangiate 1200 calorie di torta non dimagrirete affatto oltre a rischiare di immettere nell’organismo una quantità eccessiva di zuccheri. Al contrario se private completamente l’organismo di proteine non è il grasso che perderete. La dieta è affare più complesso di quello che ci fanno credere: mangia meno=dimagrisci.

Contano ed influiscono i fattori genetici, le proprietà nutrizionali dei cibi, lo stress, il metabolismo basale, il rapporto con il cibo, il sonno. Più che dalla quantità il successo di una dieta dipende dalla qualità dei nutrienti: mangiare una mela piena di residui chimici di pesticidi pompata a dovere e densa di acqua non equivale ad immettere nell’organismo la stessa quantità di nutrienti di una mela biologica più piccola ma più densa di nutrienti. Quindi facciamo molta attenzione al cosa e non solo al quanto. Il calcolo delle calorie non è che uno strumento indicativo, non è la ricetta per dimagrire. L’alimentazione e la matematica fanno spesso a botte.

C’è da dire infatti che il conteggio delle calorie è sempre più abusato e la sua efficacia sovrastimata. La perdita di peso deriva da un insieme di fattori e non è detto che consumare meno calorie rispetto al fabbisogno giornaliero ci porti a dimagrire ed a mantenere il peso forma nel tempo. Potrebbe al contrario portarci a perdere un rapporto naturale con il cibo, spingendoci a contare ossessivamente ogni caloria ingerita, pesando tutto e sentendoci in colpa se sforiamo.

Sconsigliabile, ad ogni modo, per non privare l’organismo di risorse vitali scendere al di sotto delle 1200 calorie al giorno. Diete troppo drastiche espongono infatti al rischio di carenze nutrizionali anche gravi, compromettono l’umore, le capacità cognitive e spesso sono anche inefficaci dal momento che mantenere un regime ipocalorico così rigido a lungo è decisamente stressante e mette a dura prova l’autocontrollo. Inoltre l’organismo, ne parlavamo a proposito dell’inefficacia delle diete troppo drastiche, reagisce al ridotto apporto calorico consumando sempre meno, è il motivo per cui dopo i primi giorni in cui si sta a stecchetto si smette di perdere peso. Al contrario, inviare al nostro corpo dei segnali distensivi (non di carestia, per intenderci) accelera il metabolismo basale, ripristina un equilibrio che renderà obsoleta ogni dieta drastica.

Ad ogni modo è sempre consigliabile abbinare alla dieta equilibrata un’attività fisica regolare. Se siete pigri e fuori allenamento ottime per dimagrire senza fare pressione sulle articolazioni delle gambe con il peso sono la bici e la camminata a ritmo sostenuto ma non troppo intenso.

Benessereblog.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>